L’INDICE DELLA QUALITÀ DELL’ARIA

IQA

IQACOMUNEVALOREGIUDIZIO
21/09/2017 CAMPOBASSO 54 54
21/09/2017 TERMOLI 43 43
21/09/2017 ISERNIA 14 14
21/09/2017 VENAFRO 41 41



Per sintetizzare lo stato della qualità dell’aria in modo da avere una valutazione ed un’informazione semplice ed immediata ci si avvale dell’Indice di Qualità dell’Aria (IQA), che tiene conto in maniera integrata dei diversi inquinanti. Elaborato quotidianamente, per indicare sinteticamente lo stato dell’inquinamento atmosferico l’I.Q.A. viene calcolato nel modo seguente:

IQA

I1 e I2 sono due sottoindici, calcolati per gli inquinanti monitorati utilizzando i seguenti criteri:

  • si utilizza sempre nel calcolo, il sottoindice relativo al parametro PM10, mediato con il più alto tra i sottoindici calcolati per gli altri inquinanti.
  • se manca il sottoindice relativo al PM10 si utilizza il più alto tra O3 ed NO2.
  • se mancano i sottoindici dell’O3 e dell’NO2 si utilizza solo il sottoindice relativo al PM10.
  • se mancano tutti i tre parametri l’I.Q.A. non viene calcolato (n. d.).

I due sottoindici suddetti si calcolano con la formula di seguito riportata:

IQA2

Dove:

IIQA i = indice qualità dell’aria relativo all’inquinante i-esimo

Vmed periodo i = concentrazione media oraria e/o giornaliera misurata

Vrif i = valore limite previsto dalla normativa vigente.

Ai diversi livelli di I.Q.A. si associano giudizi diversi in merito alla qualità dell’aria, diversi colori e diverse raccomandazioni utili alla popolazione.

I.Q.A. QUALITA’ DELL’ARIA COLORE INFORMAZIONI ALLA POPOLAZIONE
0-50 OTTIMA La qualità dell’aria è considerata eccellente
51-75 BUONA La qualità dell’aria è considerata molto soddisfacente con nessun rischio per la popolazione.
76-100 DISCRETA La qualità dell’aria è soddisfacente con nessun rischio per la popolazione.
101-125 MEDIOCRE La popolazione non è a rischio. Le persone asmatiche, bronchitiche croniche o cardiopatiche potrebbero avvertire lievi sintomi respiratori solo durante un’attività fisica intensa; si consiglia pertanto a questa categoria di limitare l’esercizio fisico all’aperto, specialmente nelle ore centrali della giornata durante i mesi estivi.
126-150 POCO SALUBRE Le persone con complicazioni cardiache, gli anziani e i bambini potrebbero essere a rischio, si consiglia pertanto a queste categorie di persone di limitare l’attività fisica e la permanenza prolungata all’aria aperta specialmente nelle ore centrali della giornata durante i mesi estivi.
151-175 INSALUBRE Molti cittadini potrebbero avvertire lievi sintomi negativi sulla salute, comunque reversibili, pertanto si consiglia di limitare la permanenza all’aria aperta, specialmente nelle ore centrali della giornata durante i mesi estivi. I membri dei gruppi sensibili potrebbero invece avvertire sintomi più seri, è quindi conveniente esporsi il meno possibile all’aria aperta.
>175 MOLTO INSALUBRE   Tutti i cittadini potrebbero avvertire lievi effetti negativi sulla salute. Gli anziani e le persone con complicazioni respiratorie dovrebbero evitare di uscire, mentre gli altri, specialmente i bambini, dovrebbero evitare l’attività fisica e limitare la permanenza all’aria aperta, specialmente nelle ore centrali della giornata durante i mesi estivi.